lunedì 17 novembre 2014

La Bomba di riso alla Reggiana

Quella di cui vi parlerò é un'antica e tipica ricetta della tradizione emiliana, si pensa che le sue origini provengano dalle montagne Reggiane, dove il freddo e la neve forgiavano le persone di un tempo, ma al tempo stesso si riscaldavano davanti a pietanze, dove la tradizione ha fatto si che arrivassero fino a noi. Questa è una ricetta molto cara per la mia famiglia, poiché é un vero e proprio rito per il pranzo di Santo Stefano, se la Bomba di riso non é sulla tavola, manca la magia del nostro ritrovo e del nostro Santo Natale.


LA BOMBA DI RISO


Ingredienti 


Per il sugo:

400 g salsiccia di pesto di salame
80 g funghi porcini secchi
1 cipolla
mezza carota
mezza gamba di sedano
mezzo bicchiere di vino bianco
un filo d'olio d'oliva
sale e pepe q.b.

Per la "bomba":

500 g di riso Carnaroli
200 g di prosciutto cotto a fette (che mantenga la fetta)
100 g di Emmentaler DOP
200 g di panna da cucina
50 g di burro

La Bomba di Riso Reggiana




La Bomba di Riso Reggiana



La Bomba di Riso Reggiana


Cottura della Bomba di Riso

Fate soffriggere in una casseruola a fondo spesso la cipolla tritata e dei pezzi grossolani di sedano e carota con un filo olio d'oliva (che a fine cottura andrete a rimuovere. Quando si sarà rosolata aggiungete la salsiccia, bagnate con mezzo bicchiere di vino bianco secco, lasciate evaporare l'alcool. Aggiungete il triplo concentrato e portate a cottura con un po' acqua calda. Dopo la prima fase di cottura il ragù dovrà cuocere a fuoco lento, per almeno 2 ore. Quando il sugo sarà pronto, rimuovete la carota ed il sedano e aggiungete i funghi (che precedentemente avrete ammollato in acqua tiepida per almeno mezz'ora) e lasciate cuocere per mezz'oretta aggiungendo l'acqua dei funghi filtrata.
Per la bomba :prendete uno stampo da forno alto e con il buco al centro (come se voleste fare una ciambella molto alta). Imburrate le pareti dello stampo, foderate (su tutti i lati compreso il centro) prima con le fette di prosciutto cotto e dopo con le fette di emmentaler. Cuocete il riso in abbondante acqua salata e scolatelo a metà cottura (circa 8-9 min). Condite il riso con il burro, la panna, amalgamate tutto per bene. Versate il riso nello stampo da forno e coprite la parte superiore con i lembi di prosciutto cotto che fuoriescono dallo stampo. Coprite con un foglio di alluminio e mettete a cuocere a bagnomaria nel forno pre-riscaldato a 180°. Dopo 25 minuti circa estraete lo stampo e togliete l'alluminio. Coprite con un piatto da portata rovesciato, capovolgete il tutto. In questo modo, la "bomba" (che in pratica si presenta come una ciambella molto alta completamente ricoperta di prosciutto cotto) è pronta. Riempite il buco centrale con il sugo. Portate in tavola e servite tagliando la bomba a fette (proprio come se fosse una ciambella), condendo con il ragù ai funghi e chi volesse Parmigiano Reggiano  grattugiato.


La Bomba di Riso Reggiana



Partecipo al contest


mercoledì 29 ottobre 2014

Vol au vent ai funghi e stick di Mandola croccante








  





VOL AU VENT AI FUNGHI E STICK DI MANDOLA CROCCANTE
Ingredienti
2 rotoli di pasta sfoglia (circa 18 vol au vent )
Con il coppapasta di 3 cm di diametro tagliate le basi del secondo rotolo, eliminare il cerchio dei rimanenti dischi, in modo da ottenere degli "anelli". Spennellate con del latte e disponete a due a due sui dischi grandi. Adagiate quest'ultimi sulle basi, a cui sovrapporrete due/tre anelli di pasta.
Forate con una forchetta la base del vol au vent, in modo da non permettere durante la cottura si gonfi. In una padella scaldate l'olio d'oliva con uno spicchio d'aglio e un rametto di rosmarino, non appena avranno leggermente soffritto, rosolate i champignon mondati e tagliati precedentemente. Salate e pepate e non appena saranno cotti, tritateli finemente nel cutter.
Fate sciogliere in una casseruola il burro, aggiungete la farina e mescolate, fino ad ottenere il roux, poi unite il latte caldo, versato a filo. Salate e fate cuocere, sempre mescolando, per circa 10 minuti. Unite alla besciamella i formaggio grattato ed i funghi,  mescolate finché non si saranno amalgamati per bene gli ingredienti. Insaporite con un pizzico di pepe e sale
Buon appetito



160 gr. di champignon
 mezzo litro di latte intero
100 g di Parmigiano Reggiano grattato
150 g di Mandola di Peveri Carlo
50 g di burro Beppino Occelli
50 g farina
1 filo d'olio d'oliva
1 rametto di rosmarino
1 spicchio d'aglio
sale e pepe q.b.

Preriscaldate il forno a 180°. Srotolate le pasta sfoglia e ritagliare con un coppapasta di diametro di 6 cm, una parte di queste saranno le basi dei vol au vent. Foderate la teglia con la carta da forno ed adagiate le basi (di un rotolo) , lasciando 2 cm di spazio l'uno dall'altro.
Posizionate la mousse in un sac-a-poche e riempite i vol-au-vent (potete utilizzare semplice cucchiaino). Tagliate a fettine sottili la Mandola e ricavate degli stick che andrete ad infilare nel ripieno. Infornate i vol au vent per scaldarli leggermente e per rendere croccante la Mandola.
Serviteli e gustateli ancora tiepidi. 


Consigli utili
ottimi come apri cena oppure per un buffet tra amici.


venerdì 26 settembre 2014

Amore, Cucina e Curry

 

AMORE, CUCINA E CURRY </ p>
DA GIOVEDÌ 9 OTTOBRE AL CINEMA
La nuova squisita commedia del regista Lasse Hallström
Tratto dal bestseller internazionale di Richard C. Morais
Prodotto da Steven Spielberge e Oprah Winfrey
con il premio Oscar® Helen Mirren
Om Puri </ p>
Manish Dayal
Charlotte Le Bon
Diretto da Lasse Hallström

In “Amore, cucina e... curry” Hassan Kadam (Manish Dayal) interpreta un genio della gastronomia, che non sbaglia mai un colpo. La famiglia Kadim, emigrata dall’India e guidata dal capofamiglia, Om Puri (Papa), si stabilisce nel caratteristicoe piccolo villaggio di Saint-Antonin- Noble-Val, nel sud della Francia. Un posto incantevole e raffinato, il luogo ideale dove aprire un ristorante indiano a conduzione familiare, il Maison Mumbai. Le cose cambiano drasticamente nel momento in cui Madame Mallory (l’attrice premio Oscar® Helen Mirren), titolare e cuoca del rinomato e stellato ristorante francese Saule Pleureur. Iniziando una guerra contro gli indiani e il loro locale, Mallory scoprirà lo straordinario talento del giovanissimo Hassan. Che a poco a poco, abbandonando le iniziali ostilità, i due diventeranno amici e Mallory lo guiderà nella conoscenza della raffinata cucina francese.
Anche voi non vede l'ora di vedere il flm sul grande schermo? Dite la vostra commentando il post e


non perdete nemmeno un aggiornamento seguendo l'hashtag ufficiale #AmoreCucinaeCurry su Twitter.


Articolo Sponsorizzato